Tu solo, Signore

Tu solo, Signore, hai pietà del mio soffrire.
Mi vieni vicino, e mi sollevi il cuore
rubandomi il mio peccato.
È così folle questo tuo gesto che hai dovuto lasciarti crocifiggere
perché ti credessi e ti spalancassi fiduciosamente
la porta della mia miseria.
Signore, non sono degno che tu entri,
ma io ti apro lo stesso.
Ti apro la porta più larga della mia anima.
Ma tu l’hai già scardinata con la tua croce.

(d. L. Milani)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: